Club di Lettura, il nuovo Libro – Punto di Forza

OKIl Linguaggio del GiocoMartedì scorso abbiamo passato una bella serata al Club di Lettura di Associazione PuntoUno.
Abbiamo parlato con tanto entusiasmo dei due libri letti (o parzialmente letti 🙂 ) durante l’estate, ossia “Il tuo volto sarà l’ultimo“, di João Ricardo Pedro, e “Kassel non invita alla logica“, di Enrique Vila-Matas, che ci hanno fatto tuffare in un mondo di arte e storie con la logica del non logico.
Oggi, dunque, è stata una doppia gioia ricevere dallo stampatore il pacchetto contenente i nuovi segnalibri di Associazione PuntoUno. Un gadget utile a chi legge, a chi studia, a chi organizza e a chi vuole ricordarsi di noi :-).
Ne desideri uno? Passa in questi giorni presso la sede in via Faruffini 6, oppure vieni a trovarci alle feste del quartiere in Zona 7: Domenica 20 e Domenica 27 settembre in via Marghera.
Se poi, oltre al segnalibro, ti interessano anche i libri e ti piacerebbe capire insieme ad altri il perché di un titolo, il significato di una dedica specifica, discutere la trama e condividere le interpretazioni e le sensazioni che le pagine ti hanno trasmesso, allora iscriviti al prossimo incontro del Club di Lettura, il 27 Ottobre alle ore 21:00, mandando una email a info@associazionepuntouno.net
Il libro che abbiamo scelto di leggere entro quel giorno è “Il linguaggio del Gioco” di Daniel Sada.

Marielle & il Team di Associazione PuntoUno

Annunci

La vita in tempo di pace per i nostri lettori buongustai – Punto per Punto

 

Club di Lettura La Vita in Tempo di Pace

Il Club di Lettura “Libera un Libro” di Associazione PuntoUno è ripartito con grande entusiasmo e con gusto!

La discussione sugli argomenti scaturiti dai libri letti insieme durante le vacanze estive – dal tradimento alla conoscenza di sé, dal mondo del collettivo Wu Ming alle aspettative proiettate sui propri figli – è stata accompagnata da stuzzichini dolci e salati, e innaffiata da ottimo vino.

E per stuzzicare anche la mente, si è scelto il nuovo testo da affrontare per il prossimo incontro, fissato per Giovedì 13 Novembre alle 20:45 in Via Faruffini 6. Si tratta di un finalista del Premio Strega 2014; niente meno che La vita in tempo di pace di Francesco Pecoraro. Di seguito la sinossi del romanzo:

“L’ingegner Ivo Brandani è sempre vissuto in tempo di pace. Quando il libro comincia, il 29 maggio 2015, Ivo ha sessantanove anni, è disilluso, arrabbiato, morbosamente attaccato alla vita. Lavora per conto di una multinazionale a un progetto segreto e sconcertante, la ricostruzione in materiali sintetici della barriera corallina del Mar Rosso: quella vera sta morendo per l’inquinamento atmosferico. Nel limbo sognante di un viaggio di ritorno dall’Egitto, si ricompongono a ritroso le varie fasi della sua esistenza di piccolo borghese: la decadenza profonda degli anni Duemila, i soprusi e le ipocrisie di un Paese travolto dal servilismo e dalla burocrazia, il sogno illusorio di un luogo incontaminato e incorruttibile, l’Egeo. E poi, ancora indietro nel tempo, le lotte studentesche degli anni Sessanta, la scoperta dell’amore e del sesso, fino ad arrivare al mondo barbarico del dopoguerra, in cui Brandani ha vissuto gli incubi e le sfide della prima infanzia. Chirurgico e torrenziale, divagante e avvincente, “La vita in tempo di pace” racconta, dal punto di vista di un antieroe lucidissimo, la storia del nostro Paese e le contraddizioni della nostra borghesia: le debolezze, le aspirazioni, gli slanci e le sporcizie, quel che ci illudevamo di essere e quel che alla fine, nostro malgrado, siamo diventati.”
Buona lettura.

Il Team di Associazione PuntoUno

Punto per Punto – Club di Lettura, da Il lato positivo a La vita accanto

Porte

Alcuni mesi fa, il
Club di Lettura Libera un libro ha scelto d’intraprendere il rischioso compito di leggere libri che sono stati fonte d’ispirazione per la realizzazione di un film.
I “Libera-un-libristi” erano consci delle eventuali delusioni che potevano nascere da tale connubio, ma era più grande la curiosità di capire come funziona il meccanismo di visualizzazione nelle menti degli sceneggiatori e dei registi, in seguito alla lettura di un libro. Per questo motivo, ci siamo dedicati a diverse combinazioni film/libro. L’ultima accoppiata è stata  “Il lato positivo”,film di David O. Russell, e il romanzo di Matthew Quick intitolato“L’orlo argenteo delle nuvole.
In seguito, si è deciso di abbandonare questa strada, visto che, per tanti dei nostri lettori, in quell’occasione si è spezzata la magia creata dal ritmo del libro e dalle fasi di approfondimento che la pellicola, purtroppo, non è riuscita a trasporre. Il “lato positivo” dell’ultimo incontro, dunque, è stato che siamo tornati a scegliere un libro senza curarci degli eventuali film correlati.
In compenso, l’idea è di dedicarsi alle opere di scrittori premiati negli ultimi anni. Questa volta è stato selezionato un libro della scrittrice italiana Mariapia Veladiano, nata a Vicenza e laureata in Filosofia e Teologia. Mariapia Veladiano ha felicemente insegnato lettere per più di vent’anni e ora è preside a Rovereto. Collabora con “Repubblica” e con la rivista “Il Regno”. “La vita accanto” pubblicato con Einaudi Stile Libero, è il suo primo romanzo, vincitore del Premio Calvino 2010, e classificatosi secondo al Premio Strega 2011. Nel 2012, la Veladiano ha scritto “Il tempo è un dio breve”. Nel 2013 sono usciti un piccolo giallo per ragazzi, Messaggi da lontano”, una raccolta di minuscole riflessioni sui sentimenti e le azioni, “Ma come tu resisti, vita”.
Libera un Libro ha scelto di leggere “La vita accanto”, di cui riportiamo una breve descrizione:La storia di una donna abituata a «esistere sempre in punta di piedi, sul ciglio estremo del mondo». Con la leggerezza e la ferocia di una favola, Mariapia Veladiano racconta la crudeltà della natura, la fragilità che può diventare odio, la potenza della passione e del talento”.
E un estratto: “… L’adolescenza sorprese a tradimento la mia vita e la schiantò con la furia indifferente e sciatta di un uragano, senza che nessuno se ne accorgesse. Avevo già perso Lucilla allora, o almeno lo credevo, e anche la maestra Albertina, che aveva lasciato il posto a una schiera di professori cinerini dalla voce secca come un frustino, che chiamavano gli studenti per cognome confondendoli come i pedoni degli scacchi e come i pedoni li spostavano qua e là per la classe ogni volta che nasceva un brusio ritenuto sedizioso”.
Per chi vuole sciropparsi “La vita accanto”, per poi parlarne insieme a noi scoprendo interpretazioni e letture diverse, il Club di Lettura si incontra giovedì 13 Marzo 2014, alle ore 21:00 in Associazione PuntoUno, presso la sede in Via Martinetti 28.
Marielle & il Team di Associazione PuntoUno

Punto di Forza – Club di lettura legge: L’orlo argenteo delle Nuvole – Silver Linings Playbook

Il Club di Lettura, dopo essersi divorato “La Versione di Barney“, ha deciso di buttarsi sulla ricerca del sole dietro le nuvole, leggendo il lodato “L’orlo argenteo delle nuvole” di Matthew Quick.

Magari questo titolo non vi dirà granché, ma “Il Lato Positivo” con Jennifer Lawrence e Bradley Coopernon vi sarà scappato. L’incontro per parlare insieme del libro e godersi degli estratti dal film è fissato per giovedì 13 febbraio, ore 20:45 in Via Martinetti 28 – Milano.

Per chi fosse interessato, anticipiamo un piccolo pezzo della trama riportato dall’Editore: “Durante il periodo trascorso in una casa di cura per malattie mentali, Pat Peoples ha sviluppato una teoria sul bordo argenteo delle nuvole. Convintosi che la sua vita sia un film prodotto da Dio dall’inevitabile lieto fine, crede che la sua missione sia diventare fisicamente sano ed emotivamente stabile, e che alla fine arriverà l’happy end: l’inevitabile ricongiungimento con sua moglie Nikki. Ma quando Pat torna a vivere con i suoi genitori tutto è diverso: nessuno gli parla di Nikki; i suoi vecchi amici si sono tutti accasati; gli Eagles di Philadelphia hanno un nuovo stadio; il suo terapista arriva a consigliargli l’adulterio come terapia. A Pat sembra un mondo troppo difficile da vivere, dove nulla ha senso. E soprattutto: dov’è Nikki? Come fare a parlarle, a chiederle scusa per le cose terribili che le ha detto l’ultima volta che l’ha vista? E come riempire quel buco nero tra la litigata con Nikki e il ricovero nella clinica psichiatrica? Pat guarda il suo mondo con sguardo incantato, cogliendone solo il bello, e anche se tutto è confuso, trabocca di contagiosa positività, fino all’imprevedibile finale“.

Chi vuole partecipare all’incontro è benvenuto, ma è gradita la prenotazione:
Tel. 02.48752847 / 02.37072105 – Mail. info@associazionepuntouno.net

Marielle & Il Team di Associazione PuntoUno

Punto per punto – Il Club di Lettura …si gode le ferie in un’altra versione

“C’è chi colleziona francobolli, o scatole di fiammiferi. Tu collezioni rancori.” La versione di Barney (M. Richler)

Thx to http://theboyfrost.blogspot.it/2011_06_01_archive.html

Non volercene, ma a grande richiesta dobbiamo spostare la data del prossimo incontro del Club di Lettura da giovedì 5 dicembre 2013 a giovedì 9 gennaio 2014.

Così abbiamo tutti un po’ più tempo di (ri)gustarci questo libro importante durante le ferie di natale. E per il libro che leggeremo subito dopo… ci sono delle belle sorprese in arrivo. Teneteci d’occhio, senza rancori:-).

Marielle e Il Team di Associazione PuntoUno

Thx 4 the beautiful picture to http://www.theboyfrost.blogspot.it

Punto per Punto – Addio a Berlino, benvenuto Club di lettura

Porta di Brandenburgo

Sembrano trascorsi mesi dall’ultimo incontro del nostro Club di Lettura – Libera un libro, per parlare insieme di “L’ ultima corsa per Woodstock”, scritto da Colin Dexter. Sono passate, invece, soltanto 5 o 6 settimane e, questa volta, abbiamo deciso di dedicarci al Cabaret. Non per ballare il tip-tap con tanto di frac e cilindro, naturalmente, ma per leggere il libro da cui è stato tratto il famoso film con Liza Minnelli e Michael York. Non sono in molti a sapere che “Addio a Berlino” di Christopher Isherwood è stato d’ispirazione per un musical di cui quasi tutti conosciamo una canzone: temi come “Money, Money, Money” o “Life is a Cabaret”.

Cabaret

Scopriremo, dunque, la misteriosa atmosfera che aleggiava sulla capitale tedesca a metà degli Anni ’30. Una pentola a pressione in cui coesistevano crisi economica, politica e razzismo: ingredienti che, miscelati, avrebbero fatto esplodere la tragedia della Seconda Guerra Mondiale.
“Addio a Berlino” è una bella lettura intensa per questi tre giorni di ponte. Poi, martedì 5 novembre guarderemo insieme “Cabaret”, parleremo di Isherwood e del suo libro, e paragoneremo la nostra realtà con quella di Berlino negli Anni ’30. Ci godremo la compagnia e, come Liza/Sally Bowles, qualche buon sigaro. Questo è il programma della serata:

Proiezione film: ore 20:30 – via Martinetti, 28
Discussione libro/film: ore 22:45
Scelta del libro e film per il prossimo incontro: ore 23:15

Chi non è ancora iscritto al Club di Lettura ed è interessato a partecipare, può comunicarcelo per e-mail: info@associazionepuntouno.net, o per telefono: 02/48752847.