Punto di colore – Compiti ed Elefanti

Elefantino

Il dilemma si pone alla vigilia di ogni vacanza, lunga o breve, da scuola: ci sono i compiti da fare. Salvo eccezioni, sono percepiti come una gran rottura di scatole. A libri e quaderni viene fatta cambiare aria per dimostrare ai genitori di nutrire dei buoni propositi, ma poi il fardello finisce per essere abbandonato in un angolo buio, dello spazio e della memoria. La speranza è che qualche calamità leggendaria, come i temibili e voracissimi acari della carta, corroda lentamente (e dolorosamente) gli esercizi. È una fantasia dura a morire, che di solito scompare poco prima del ritorno in classe, gettando lo studente nello sconforto e nel rimorso. Sarebbe stato meglio dedicare un po’ di tempo allo studio tutti i giorni, magari programmandosi gli interventi sulle varie materie? La risposta è scontata.
Per prevenire il trionfo del “senno di poi” e spiegare il concetto della divisione del carico di lavoro in piccole dosi, l’
Officina dei Compiti suggerisce di rivolgere al giovane scolaro una domandina: “Immagina la statua di un elefante a grandezza naturale, che pesa circa 5.000 chili. Se qualcuno ti proponesse di scegliere tra il provare a sollevarla in un colpo solo, col rischio di rimanerne schiacciato, oppure il dividerla in pezzetti più piccoli da alzare uno al giorno, per un determinato periodo di tempo, tu cosa preferiresti fare?”.

Il Team di Associazione PuntoUno

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...