Punto per Punto – Alla Materna Paravia l’inglese bolle in pentola

L'amico della pentola parlante

Puoi esserti preparata quanto vuoi, ma nel momento in cui guardi negli occhi i bambini che attendono l’arrivo del nuovo insegnante d’inglese, l’emozione ti stringe lo stomaco, l’entusiasmo sale a mille e ti chiedi come andrà a finire. Prendendoli per mano e aiutandoli a formare la “collana”, così da attraversare tutti insieme e in cerchio il corridoio della scuola, si percepisce la fiducia incondizionata di questi piccoli esploratori di quattro o cinque anni, alle prese con una vera avventura: i primi passi in un mondo nuovo con una lingua sconosciuta, guidati da teacher mai incontrati fino a quel momento e con compagni della stessa scuola, ma non sempre appartenenti alla stessa classe. In poche parole: una ratatouille di incognite, da cui può nascere al primo colpo un piatto prelibato, oppure una ricetta ancora da perfezionare.
Ieri pomeriggio, alla scuola materna Paravia di Milano, si è tenuto il primo incontro del corso di lingua inglese Yummy Yummy. Armati di cappello e grembiule da Chef, pentola parlante e tanti cucchiai multicolore, ci siamo scaldati i muscoli e sciolti la lingua con la canzone “Head, shoulders, knees and toes“, per poi sederci intorno a una tovaglia al centro della quale campeggiava un mappamondo di tessuto. Nel contesto del programma Scuola Aperta di quest’anno, infatti, Paravia ha scelto di ospitare un corso di lingua straniera e di allinearne il tema portante con quello della scuola, ossia il cibo e il corpo umano.
Osservando i piccoli “cuochi” in azione, ci si meraviglia di quanto siano veloci nel capire, contestualizzare, imitare e ripetere, così come sono evidenti la voglia d’imparare e la curiosità. Già semplicemente cantando una canzone, spiccano le prime note caratteriali. C’è chi preferisce stare dietro le quinte e chi, invece, ci mette tutti i polmoni; chi va solo in coppia e chi cerca l’approvazione del teacher. È un momento molto importante per scoprire come far funzionare al meglio il gruppo, puntando sulle peculiarità di ognuno così che i bambini si rafforzino a vicenda e imparino con gioia e con gusto, in un clima sereno e stimolante.
Lo stratagemma della pentola parlante è servito, inizialmente, per facilitare le presentazioni: ognuno ha detto il proprio nome e chiesto, in English, quello di un compagno. Poi, radunati vicino (ma soprattutto dentro) al calderone, i cuochi hanno pescato frutta e verdura yellow, red, blue and green. Ma non solo, anche cucchiai su cui disegnare occhi, nasi e bocche. La via per apprendere una nuova lingua passa, in questo modo, anche dall’attività manuale, coinvolge tutti i sensi, e poi è stato ancora più divertente dare un nome al proprio spoon, farlo chiacchierare con gli altri e abbellirlo con il timbro di un cappello da chef red or pink.
Nei prossimi incontri, la pentola parlante e i suoi amici cucchiai ci porteranno in giro per il mondo. Dopo questa prima lesson abbiamo la ricetta giusta e ci sentiamo tutti, teacher e piccoli cuochi, pronti a seguirla fino al Polo Nord. Aggiungere sale e pepe quanto basta.

La chicca dello chef: un paio di narici disegnate dal piccolo cuoco E. su un cucchiaio possono trasformare la lezione in un corso di anatomia avanzata.

La chicca dello chef: abbiamo chiesto ad alcuni genitori cosa hanno raccontato i piccoli chef poliglotti della loro prima lezione. Uno dei commenti più incoraggianti è stato: “Mamma, mi sono divertito tantissimo: sono tutti pazzi!”🙂

Roberta, Elena, Marielle, e il Team di Associazione PuntoUno

One thought on “Punto per Punto – Alla Materna Paravia l’inglese bolle in pentola

  1. Pingback: Punto di colore – Mr. YummuYummy and the Turkey say… Thanks! | Associazione PuntoUno

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...